ULTIME DAL BLOG

CHI È GIANLUCA SALCINI

Gialuca Salcini nel 1994 si trasferisce a Cesena per lavorare con il padre Sergio da cui apprende i valori della vita e dell’impresa e inizia a farsi strada nel mondo del lavoro.

Due anni dopo, nel 1996, avvia la sua carriera imprenditoriale con la L.S.G. di Pievesestina. Da quel momento non si ferma più, proseguendo a investire sempre in nuovi ambiti di business.

Oggi è socio di maggioranza e amministratore unico di cinque aziende che operano in provincia di Forlì-Cesena e in tutto il territorio nazionale.

Le sue imprese si affermano ben presto tra le società leader nel settore della logistica e dei trasporti del settore ortofrutticolo.

Nel 2011, dopo la perdita della sorella Nadia, insieme alla sua famiglia crea la Fondazione «Nadia Salcini», con l’obiettivo di raccogliere fondi per sostenere la ricerca sui linfomi e sulle leucemie.

UN IMPRENDITORE CHE VALE

Gianluca Salcini è un imprenditore trasparente, che svolge con profitto da anni attività lecite, sane, che danno profitto e consentono di dare lavoro a circa un centinaio di famiglie.

Ora che è stata messa in dubbio la correttezza del suo operato, sentiamo il bisogno di raccontare – numeri alla mano – la bella realtà imprenditoriale che vive grazie alla sua intelligenza, al suo cuore e all’ingegno dei suoi collaboratori.

I NUMERI

121 dipendenti, indotto di 450 persone (400 a Cesena, 50 a Brescia), 210 camion
Algol Srl: 100 dipendenti (60 a Cesena, 40 a Brescia)
Tabit Trasporti Srl: 9 dipendenti
Spaziosamente Srl: 4 dipendenti
Azienda agricola Gianluca Salcini: 8 dipendenti

L’impegno per la vita

Gianluca Salcini è presidente della Fondazione “Nadia Salcini” (www.nadia-salcini.org, facebook @FondazioneNadiaSalcini), dedicata alla sorella Nadia, che sostiene lo sviluppo della ricerca scientifica sulla leucemia e fornisce assistenza alle persone affette da questa malattia.

La Fondazione Nadia Salcini nasce in memoria di Nadia, scomparsa a 35 anni il 5 aprile 2011 per una rara forma di linfoma linfoblastico T, diagnosticatole solo pochi mesi prima.

I progressi della ricerca in questo campo hanno permesso di curare Nadia con cure innovative e trattamenti mirati previsti dai protocolli più avanzati nel campo dei linfomi, ma la malattia, scoperta purtroppo in uno stato già avanzato, ha preso il sopravvento, progredendo ogni giorno.

Nadia ha trascorso l’ultimo periodo della sua vita tra la casa di Viterbo e il reparto di ematologia del Policlinico Gemelli di Roma.

Qui i suoi familiari, il fratello Gianluca, il marito Federico ed i genitori Sergio e Franca, hanno condiviso il dolore per la malattia della figlia con le famiglie dei pazienti ricoverati, che come Nadia erano stati colpiti da questa terribile malattia, e con i medici, gli infermieri e tutto il personale del reparto, che con impegno e dedizione hanno permesso che Nadia trascorresse l’ultimo periodo della sua vita circondata da premure e attenzioni.

Da questa esperienza, che ha tracciato un solco profondo ed incancellabile nella vita della famiglia Salcini, è nata l’esigenza di creare in memoria di Nadia una Fondazione che sostenga la ricerca nel campo delle leucemie e linfomi e porti aiuto alle famiglie che si trovano ad affrontare la terribile battaglia con questa malattia.

I VALORI DELLA TERRA

L’Azienda Agricola Salcini, nella splendida cornice di Castel d’Asso, in provincia di Viterbo, nasce negli anni ’70 grazie all’iniziativa del capostipite della famiglia Salcini, Sergio, e del fratello Alberto. L’azienda, grazie alla collaborazione di braccianti e coltivatori, è specializzata nella produzione di vino, latte, olio e prodotti orto-frutticoli ed è oggi un punto di riferimento per vivere momenti di intensa natura campestre, ma anche per assaporare il vero miele di campagna o mordere una buona fetta di pane bagnata nell’olio extravergine di oliva.
Passata in mano al figlio Gianluca, l’azienda ha riacquistato nuova energia produttiva, grazie anche a una profonda opera di rinnovamento. Molti degli edifici rurali sono stati riconvertiti, riammodernati e adeguati alle normative che regolano l’attività agricola.

Molti dei terreni sono stati bonificati per ospitare uliveti e dare ospitalità alle arnie per le api. Inoltre, sono stati pensati anche percorsi di visita e percorsi didattici per i più piccoli, con l’obiettivo di far conoscere e toccare con mano i ritmi e la magia della natura.

L’Azienda Agricola Salcini è particolarmente sensibile alle possibili problematiche ambientali legate alla realizzazione dei suoi prodotti. Per questo è sempre impegnata nello studio di metodologie produttive nel pieno rispetto dell’ambiente e dei ritmi della natura. Particolare attenzione è dedicata alla modalità di coltivazione degli oliveti, alle modalità di raccolta e spremiture delle olive, con sistemi che consentono di ottenere un prodotto il più possibile a basso impatto ambientale e il più possibile privo di pesticidi e agenti chimici. Stesso dicasi per il miele prodotto, che è il risultato della perfetta unione fra tradizione e innovazione.

Copyright 2017 Salcini Onesto